L’Agenzia delle Entrate, attraverso la propria guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”, fissa le linee di indirizzo sugli interventi detraibili e le corrispondenti percentuali, determinando il limite massimo di spesa per unità immobiliare.

Infatti, quando si decide di intraprendere dei lavori di ristrutturazione, si può tener conto che le spese sostenute, possano essere detratte in una certa percentuale dall’Irpef, andando quindi a risparmiare sull’importo complessivo da affrontare.

Le detrazioni si dividono tra gli interventi riguardanti le spese di ristrutturazione come possono essere la manutenzione straordinaria, il restauro e risanamento conservativo e la ristrutturazione edilizia, di lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, fino agli interventi relativi all’adozione di  misure atte a prevenire il compimento di atti illeciti.

A questi vanno aggiunti gli interventi effettuati per il conseguimento del risparmio energetico, con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego di fonti rinnovabili di energia.

Tra le spese detraibili rientrano anche quelle necessarie per l’esecuzione dei lavori come le spese di progettazione e altre prestazioni connesse.

 

Negli ultimi anni inoltre è maturata nell’opinione pubblica una maggiore sensibilità per gli interventi di adozione di misure antisismiche e quindi lo Stato ha deciso di sostenere anche questo tipo di interventi con specifiche detrazioni fiscali.

 

Ricordiamo anche che si possono detrarre gli acquisti di  mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.

 

Infine va considerato che anche sulle prestazioni di servizi relativi ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati su immobili residenziali, è previsto un regime agevolato che consiste nell’applicazione dell’IVA ridotta.

 

Tutte queste informazioni e altre più dettagliate le potete trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate al seguente link —> Clicca qui